Fumetti: CAD-Comic

Visto che stamane mi sono svegliato praticamente con le galline – e quindi rincoglionito come non mai – oggi ho tanto tempo da perdere. E allora perchè non investirne un pò per informarvi sul mio fumetto online preferito?

Ctrl+Alt+Del, anche noto come CAD, è un fumetto online aggiornato settimanalmente (attualmente lunedì, mercoledì e venerdì) basato, come dice il suo autore Tim Buckley, sui videogiocatori più che sui videogiochi.

Ciò che davvero è interessante è l’evoluzione di questo fumetto. Nato, come tutti i webcomics, come un qualcosa da sviluppare in maniera estemporanea in quattro riquadri, la struttura si è evoluta in archi narrativi decisamente più ampi in grado di durare addirittura mesi, se non anni. La costante presenza dell’elemento videogioco, cardine della vita dei protagonisti, viene quindi spesso messo in secondo piano in favore della dimensione umana di Ethan, Lilah, Lucas e gli altri. L’esempio principe è proprio l’episodio dell’aborto spontaneo di Lilah, cosa che ha suscitato un discreto polverone tra i vari autori di webcomics.

Menate serie a parte, questo fumetto è G-E-N-I-A-L-E a mio modo di vedere. Mi ha fatto fare le peggio risate e riesce, in certe occasioni, a fotografare in maniera grandiosa l’industria, i videogiocatori e tutto il mondo dell’intrattenimento videoludico – un esempio su tutti, tanto per far capire di cosa parlo -.Più di una volta mi sono ritrovato a prendere e rileggere tutte le vignette pubblicate e ridere, di nuovo, di gusto, notando sottigliezze che prima mi erano sfuggite. Per non parlare dei “misteri irrisolti” disseminati qua e là (uno su tutti: chi è in realtà Ted?), che inseriscono quell’elemento alla soap opera che tanto traina. Peccato solo per esigui aggiornamenti: tre a settimana non sono pochi, ma fosse per me leggerei una decina di vignette a botta.

Per questo e per tanti altri motivi un pò di mesi fa mi sono occupato del mio primo ed unico lavoro su Wikipedia, traducendo la pagina apposita dall’inglese in modo da dare qualche informazione in più anche ad i non anglofoni. E naturalmente mi sono procurato i primi tre volumi, direttamente spediti dal Canada, per poter rileggere i primi tre anni di pubblicazioni in santa pace quando e come voglio. Prima o poi posto le foto…

Cheers

Annunci

~ di casacup su 29 marzo 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: